Tetracicline Stampa

TETRACICLINE

Perché si usano:

Sono antibiotici ad ampio spettro d’azione, attivi su Gram +, Gram -, micoplasmi, clamidie, rickettsie e alcuni protozoi.

Principi attivi:

Clortetraciclina, tetraciclina, ossitetraciclina, doxiciclina, minociclina.

Attività antimicrobica:

L’efficacia antimicrobica, dipende molto dalla loro liposolubilità. Minociclina e doxiciclina sono le molecole più liposolubili del gruppo, questo permette un miglior assorbimento, una maggiore concentrazione nell’organismo e quindi una miglior efficacia clinica.

Caratteristiche farmacocinetiche:

Tutte le tetracicline possono essere somministrate sia per via parenterale che orale. Dopo somministrazione orale vengono assorbite in parte e in modo omogeneo a livello intestinale. È importante sapere che la somministrazione di alimenti ricchi di cationi polivalenti (Ca++, Mg ++, Fe++, Al++…) o di preparazioni a base di caolino, pectina ed antiacidi, diminuiscono l’assorbimento poiché le tetracicline vanno a formare nuovi complessi che non permettono l’assorbimento del farmaco a livello intestinale.
È sconsigliato l’uso orale nel cavallo e nei ruminanti perché possono provocare alterazioni della microflora ruminale e intestinale anche con effetti gravi.

La liposolubilità delle tetracicline influenza la loro distribuzione, e dopo l’assorbimento si legano alle proteine del sangue in diverse percentuali a seconda della specie animale e del principio attivo. Di norma si distribuiscono in tutti i tessuti, accumulandosi per lo più in fegato e reni.

Le tetracicline sono eliminate per la maggior parte per via renale, fatta eccezione per la minociclina e la doxiciclina.
La minociclina è in parte eliminata con biotrasformazione attraverso la bile, instaurando un ricircolo entero-epatico che ne allunga l’emivita rispetto alle altre tetracicline. La minociclina può essere indicata per il trattamento di infezioni sensibili nei nefropatici. La doxiciclina è eliminata per via intestinale sia per eliminazione diretta che per eliminazione biliare. La doxiciclina diventa perciò raccomandata in caso di insufficienza renale.